Canonizzazione

L’evento: I beati Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II proclamati santi nello stesso giorno

 

Il 27 aprile 2014, nella festività della Divina Misericordia, solennità istituita da papa Wojtyla, sono saliti agli onori degli altari il Papa Buono e colui che la folla dei fedeli acclamò come Santo subito! Il pastore che conquistò con la paterna semplicità del suo animo, che aprì una nuova pagina nella storia della Chiesa inaugurando il Concilio Vaticano II e il “papa straniero” che viaggiò in ogni capo del mondo con inesauribile energia per annunciare il Vangelo e costruire un ponte fra le nazioni e i popoli.
Papa Giovanni, il pontefice della Pacem in Terris che si rivolse a tutti gli uomini di buona volontà, al di là della fede e delle convinzioni politiche, per ricercare il dialogo che scongiura i conflitti e papa Wojtyla che perdonò chi attentò alla sua vita e chiese perdono per le colpe commesse dalla Chiesa nel passato, che si trasformò in un esempio visibile di sottomissione e gioia nella fede, prendendo la sua croce e mostrandosi al mondo fragile nel corpo e saldo nello spirito.

canonizzazione

Tutti noi, giovani e meno giovani, credenti e non credenti, fedeli che da oggi in poi si rivolgeranno a loro come santi, portiamo scolpiti nella memoria i loro volti, i loro gesti, la loro voce. Le loro parole più dirette e umanissime: «… questa è la carezza del Papa», i loro messaggi più cristallini e potenti: «Non abbiate paura!», risuoneranno per sempre nella mente e nel cuore perché le testimonianze di fede e di vita dell’uomo di Sotto il Monte e di quello di Wadowice sono esempi luminosi per ciascuno di noi, capaci di coinvolgerci e di toccarci con la tenerezza e la forza di un abbraccio universale.

richiedi omaggio

In primo piano

FUSIONE PORTA SANTA

LA PORTA SANTA TRA STORIA, MEDAGLIE E MODERNITA’